Comunicato culle cooperative Operaie

Comunicato culle cooperative Operaie

Le Segreterie di CGIL , CIS, UIL di Trieste esprimono sconcerto e preoccupazione per quanto sta avvenendo in una importante e storica Azienda di Trieste, Cooperative Operaie.

                Lo sconcerto deriva dalla constatazione che il management non abbia la minima capacità di gestire le relazioni sindacali in termini corretti ed equilibrati. Risulta, infatti, inaccettabile la comunicazione alle rappresentanze sindacali tramite stampa dell’attivazione della procedura di mobilità. Peraltro, tale fatto è solo il punto più evidente di un modo di intendere i rapporti con i lavoratori e le loro rappresentanze che oscilla tra il paternalistico e l’autoritario.

                La preoccupazione deriva dal fatto che la formalizzazione di 79 licenziamenti, presumibilmente, deriva da una situazione aziendale critica.

                Le organizzazioni sindacali sono costrette a presumere perché nessuna analisi compiuta e relativa seria documentazione è stata fornita negli incontri delle ultime settimane.

                Peraltro, tale atteggiamento ambiguo e reticente, accompagnato ad ultimatum continui del Direttore Generale, non può che rafforzare la preoccupazione sulla situazione reale dell’Azienda.

                Le organizzazioni sindacali CGIL CISL, UIL di Trieste considerano le Cooperative Operaie una risorsa economica importante per il territorio e, pertanto, anche a fronte della sua natura cooperativa, ritengono necessario ed urgente che le relazioni sindacali vengono ricondotte a correttezza e rispetto delle parti e, pertanto, sosterranno con adeguati interventi tutte le iniziative che i lavoratori , le lavoratrici e le organizzazioni sindacali di categoria metteranno in atto nei prossimi giorni.