LA UIL DEL FRIULI VENEZIA GIULIA A ROMA

LA UIL DEL FRIULI VENEZIA GIULIA A ROMA

Una nutrita rappresentanza sindacale della UIL del Friuli Venezia Giulia, guidata dal segretario generale Giacinto Menis e dalle segreterie delle quattro province, ha partecipato alla manifestazione unitaria di sabato 22 giugno in piazza San Giovanni a Roma.

C’era anche una nutrita rappresentanza sindacale della UIL del Friuli Venezia Giulia tra le 100 mila persone confluite sabato 22 giugno in piazza San Giovanni a Roma, per la manifestazione unitaria, CGIL-CISL e UIL, la prima dopo 10 anni, indetta per chiedere alla politica di riportare il tema del lavoro al centro delle scelte politiche ed economiche del Governo.

A guidare la delegazione regionale il segretario generale del Friuli Venezia Giulia, Giacinto Menis, con i direttivi delle segreterie provinciali e molti lavoratori partiti con i pullman organizzati in Regione.

In piazza tanti lavoratori delle aziende colpite dalla crisi che “ha portato il tasso di disoccupazione all’8,6% del primo trimestre 2013, un livello che non si raggiungeva da vent’anni, e oltre il 30% quella giovanile. Su livelli altissimi anche la mobilità, con il record di 10mila ingressi nel 2012, e la cassa integrazione, con 10 milioni di ore già autorizzate nei primi cinque mesi di quest’anno”. Lo ricordava alla partenza il segretario Menis, insieme ai colleghi di Cgil e Cisl, Franco Belci e Giovanni Fania, che già con la manifestazione unitaria regionale, organizzata a Udine il 10 giugno, avevano chiesto un impegno straordinario non solo del Governo, ma anche della nuova giunta regionale, con l’obiettivo di ottenere il varo di un primo pacchetto anti-crisi già con la manovra estiva di assestamento del bilancio.

“Questa non è una manifestazione una tantum, non è una manifestazione fatta tanto per dire che ci siamo: questa è la prima, e la nostra lotta proseguirà. Perché questa volta non possiamo perdere, se perdiamo noi il Paese perderà ogni speranza”, ha sottolineato dal palco di Roma il segretario nazionale della UIL, Luigi Angeletti.