Magda Gruarin confermata Segretario generale UIL Pensionati FVG

Magda Gruarin confermata Segretario generale UIL Pensionati FVG

APE SOCIAL, MOLTE RICHIESTE IN FVG

In regione, secondo gli ultimi dati, sono state presentate 635 domande, 274 quelle accolte. Dati analizzati nel corso dell’XI congresso UILP FVG. Gruarin: “Fvg nona tra le Regioni per reddito medio, tutela della salute e protezione sociale. Continuiamo a invocare il supporto per non autosufficienza e a chiedere di rendere effettivi i piani operativi della legge sull’invecchiamento attivo”.

 

“Il Friuli Venezia Giulia, secondo i dati Istat sullo stato di benessere delle Regioni, è al nono posto per reddito medio disponibile pro-capite, per indicatori sulla delinquenza, per tutela della salute e della protezione scoiale. Ma molto ancora può essere fatto e la UIL Pensionati continuerà a difendere e promuovere la salute, a invocare il supporto alla non autosufficienza, a chiedere politiche sulla casa e sui trasporti, a rendere effettivi i piani operativi della legge sull’invecchiamento attivo”.

E’ partendo da questa premessa che la Segretaria regionale della UIL Pensionati del Friuli Venezia Giulia Magda Gruarin ha aperto l’XI Congresso regionale che si è svolto oggi all’Abbazia di Rosazzo, analizzando alcuni dati sulla situazione dei pensionati.

“Sul fronte previdenziale la UIL ha assunto un ruolo da protagonista, nelle trattative con i Governi Renzi e Gentiloni”, ha aggiunto elencando gli effetti sul territorio dei risultati ottenuti a livello romano: “la platea per la 14esima mensilità in Friuli Venezia Giulia si è ampliata nel 2017 con 26mila pensionati in più e i pensionati esentati dall’Irpef e dalle addizionali sono saliti complessivamente a 66 mila unità, 4 mila in più rispetto a prima”.

Positiva, per la Segretaria regionale, anche l’introduzione del principio della flessibilità dell’uscita dal lavoro ponendo le premesse per rimediare, nel corso dei prossimi anni, alla grandissima ingiustizia dell’aver fatto cassa per 80 miliardi di euro per “pareggiare” i conti con l’Europa.

L’ape sociale in Friuli Venezia Giulia è vista con interesse. Al 15 luglio 2017, dati Inps, sono state presentate complessivamente in regione 635 domande di ape sociale, di cui ben 435 da parte di lavoratori disoccupati, di cui 274 accolte (185 uomini e 89 donne), 352 respinte e 9 ancora in istruttoria, con un onere complessivo effettivo di 11.969.887,76 euro fino al 2023. A livello nazionale le domande erano state quasi 40 mila di cui poco più di 15 mila accolte finora. Mentre le istanze presentate per accedere all’Ape volontaria (dati Inps aggiornati al 22 febbraio 2018) sono state 111 in Regione (32 avanzate da donne e 79 da uomini) su un totale di 6.596 istanze a livello nazionale. Il 71,2% delle richieste sono state presentate da soggetti nati tra il 1 aprile 1952 e il 18 maggio 1954.

“In questi anni abbiamo raggiunto dei risultati, resi possibili perché ci siamo mossi unitariamente, a tutti i livelli, insieme a Cgil-Spi e Cisl Fnp – ha concluso la segretaria Magda Gruarin -. Abbiamo stilato protocolli d’intesa con Comuni, Uti, ambiti socio-assistenziali, fatto convegni di rilievo su gioco d’azzardo, sulla tutela della salute dell’anziano, sull’invecchiamento attivo, sulla riforma regionale della sanità e sull’Isee insieme al Trentino e a Bolzano. Siamo sempre stati attivi sulle problematiche relative al Fap, alle strutture residenziali per gli anziani, alle politiche per la casa, alle misure di sostegno e contrato alla povertà, alla legge sull’invecchiamento attivo”.

All’incontro sono intervenuti anche l’assessore regionale alla Salute Fvg Maria Sandra Telesca, il presidente di Anci Federsanità Giuseppe Napoli e il direttore regionale dell’Inps Stefano Ugo Quaranta.

Presente anche il Segretario generale della UIL del Friuli Venezia Giulia Giacinto Menis . “In questi anni abbiamo perduto ricchezza. Non siamo ancora tornati ai valori di Pil di 10 anni fa. Ci stiamo riprendendo lentamente, ci metteremo ancora 5-6 anni per tornare al livello del 2008”, ha affermato, ricordando le migliaia di piccole imprese di cui in questi anni il sindacato ha gestito la crisi svolgendo un ruolo fondamentale.

I lavori sono stati chiusi dal segretario nazionale organizzativo della UIL Pensionati,  Emanuele Ronzoni.

Oltre alla Segretaria Magda Gruarin, sono stati eletti come componenti della segreteria Giuliano Folchini, Carlo Cristante, Sergio Benvenuto e Ferruccio Viotto. Tesoriere Gennaro Montone.