PENSIONI: niente bonus da 80 Eueo, posticipato il pagamento al 10 di ogni mese

PENSIONI: niente bonus da 80 Eueo, posticipato il pagamento al 10 di ogni mese

Allarme della Uilpensionati di Trieste che invita ad attuare ogni forma di protesta pacifica contro l’introduzione del provvedimento dal gennaio 2015.

 

Se i pensionati si aspettavano l’estensione del bonus degli 80 euro dell’attuale governo Renzi oppure anche solo un qualsivoglia aumento delle pensioni in essere, già ridotte ai minimi per effetto dell’erosione che le ha colpite in quest’ultima decina d’anni, hanno sbagliato “epoca”. Per tutta risposta, in base a un provvedimento inserito nella legge di stabilità, a partire da gennaio 2015, si vedranno posticipare dal 1 al 10 di ogni mese il pagamento delle pensioni e degli assegni di invalidità e accompagnamento. Le pensioni verranno erogate anche il giorno successivo al 10 se questo dovesse cadere di sabato, domenica o giorno festivo. Con l’evidente rischio che i pensionati si potrebbero trovare “sbilanciati” nei pagamenti.

A lanciare l’allarme è la Uilpensionati di Trieste che prende atto di come per l’ennesima volta, in uno Stato che tutti credevamo democratico, si attuino metodi coercitivi nei confronti delle categorie più deboli, anziani, pensionati e persone che necessitano di ogni forma di aiuto per sopravvivere. Mentre nel contempo si vogliano favorire le banche.

La Uilpensionati di Trieste auspica ora l’attuazione di ogni forma di protesta pacifica atta a scongiurare l’entrata in vigore di una proposta ormai arrivata in dirittura d’arrivo.

Fabio Nemaz

Segreteria provinciale di Trieste