TOCCANTE GIORNATA DELLA MEMORIA

TOCCANTE GIORNATA DELLA MEMORIA

 

Sabato 27 gennaio 2018 – Teatro Giuseppe Verdi – Gorizia

COMMOZIONE E PARTECIPAZIONE,

TOCCANTE GIORNATA DELLA MEMORIA PER UILSCUOLA GORIZIA

 

 

Tutto esaurito al Teatro Giuseppe Verdi. Presenti oltre 700 persone tra studenti, insegnanti e cittadini. Previti (UILScuola): “fondamentale coinvolgere ragazzi e tramandare ricordo”

Oltre 700 persone, tra studenti, insegnanti e cittadini, hanno affollato sabato 27 gennaio il Teatro Giuseppe Verdi di Gorizia, al limite della capienza, per la manifestazione organizzata dalla UIL Scuola, l’Irase e l’Associazione Amici d’Israele, in collaborazione con la Prefettura di Gorizia e con il patrocinio del Comune. Una manifestazione toccante che ha vissuto intensi momenti di commozione e partecipazione anche dei ragazzi.

L’evento, che si inserisce nell’ambito dell’iniziativa formativa rivolta alle giovani generazioni “Incontro con la scuola. Per non dimenticare”, è diventato ormai un appuntamento fisso per le celebrazioni del 27 gennaio a Gorizia. Il tema scelto per la 13esima edizione del convegno nazionale è stato quello de “Le leggi razziali, ricordando il passato si può difendere il futuro”.

“I testimoni diretti dell’Olocausto sono sempre meno. Diventa così ancor più importante tramandare ricordi e testimonianze alle giovani generazioni, cercando di coinvolgere in maniera attiva gli studenti”, ha ricordato l’importanza del convegno il segretario della UIL Scuola del Friuli Venezia Giulia Ugo Previti.

 

“All’epoca del primo convegno si è scelta Gorizia come sede dell’evento perché è una città di confine, multietnica, che è stata toccata direttamente dalla guerra. Gorizia ha risposto presente”, ha aggiunto Previti riportando al Sindaco Rodolfo Ziberna, al Prefetto Massimo Marchesiello, ai dirigenti scolastici, agli insegnanti e ai ragazzi delle scuole partecipanti il ringraziamento anche del Segretario Generale della UIL Scuola Pino Turi.

“Iniziative come questa di Gorizia, servono per ricordare e per rappresentare, anche a chi non è genitore e ne ha consapevolezza attraverso le esperienze dei propri figli, il  valore educativo della scuola statale di questo Paese”, hanno ricordato i sindacalisti della UIL Scuola.

 

 

Gli studenti degli Isis D’Annunzio-Fabiani e Dante Alighieri di Gorizia e dell’Istituto comprensivo Ugo Foscolo di Ostra Vetere (Ancona) hanno ascoltato con attenzione i contributi del presidente dell’Associazione Amici d’Israele Lorenzo Drascek, dello storico Fulvio Salimbeni e del Segretario Generale UIL Scuola Pino Turi, moderati dalla Presidente Irase nazionale Rosa Venuti.

L’unico rammarico della giornata è stato non essere riusciti a far entrare nel Teatro, per motivi di sicurezza legati alla capienza, tutte le persone che avrebbero voluto partecipare all’appuntamento.

Nel corso della manifestazione il Prefetto Marchesiello ha consegnato quattro medaglie d’onore, concessa dalla Repubblica italiana, quale riconoscimento ad una rappresentanza di cittadini italiani, militari e civili, ed ai familiari dei deceduti che siano stati deportati o internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra nell’ultimo conflitto mondiale.

Particolarmente toccanti le letture e i momenti musicali a cura della Fil(m)armonica di Mossa e della soprana Nadia Fabris.

Gorizia, 7 febbraio 2018